Forum

Rispondi

Effettua l'accesso per poter rispondere al topic oppure registrati al nostro sito!

Risposte: 13   Visualizzazioni: 1674  Sottoscrizioni: 14

se la posizione e'

Se la posizione della mia nave è a 10 miglia sul Rlv 180° del faro di Pianosa…



A. Mi trovo a Nord el faro, distanza 10 miglia.



B. Mi trovo a Sud del faro, distanza 10 miglia



C. Non vi sono elementi sufficienti per rispondere


per me e' la B
per voi ?
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Alexandro
Mozzo
51 Messaggi
Iscritto il 19-11-2006

Risposta al topic

Il rilevamento e' fatto dal faro o dalla nave?

ciao Pingui55
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic

i dati per rispondere ci sono e sembra anche che così messo la A sia quella giusta, io sono a nord e se guardo a sud per 180 di rilevamento bussola vedo il mio faro.

detto questo la parte difficile è generalmente ottenere un luogo dei punti distanti 10 mn dal faro e poter dire di vederlo per 180°
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Volare a Vela
ToroSeduto
Capitano
2305 Messaggi
Iscritto il 05-03-2002

Risposta al topic

Buonasera.
Avevo letto male prima. Rilevamento DEL faro per 180°vuol dire che sei anord giusto.
Da 10 Mn di distanza e' difficile prendere un rilevamento con una bussola anche se e' piazzata saldamente su un capodibanda. Di notte si vede se il faro ha la portata di almeno 20 Mn (da Ortona di notte si vede il faro di Puntapenna e sono circa 16 Mn) di giorno se c'e' buona visibilita' si potrebbe vedere,comunque si vede il pezzo di costa dove e' piazzato.
Va be Alexandro studia un po' di piu'.

Ciao Pingui55.
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic

Io dico A

Se mi giro verso sud dovrei vedere il faro a 10 miglia
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Salud
fustino83
Velista
308 Messaggi
Iscritto il 19-05-2006

Risposta al topic

scusate ma se mi trovo a 180 ° dal faro di pianosa
come faccio a essere a nord ?
se la mia nave e' a 10 mg a 180° dal faro di pianosa mi torna piu' logico di essere a sud .il rilevamento e' fatto dalla nave mi pare di capire(Se la posizione della mia nave è a 10 miglia)
AIUTATEMI a sciogliere questo piccolo grande nodo!!! ;)
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Alexandro
Mozzo
51 Messaggi
Iscritto il 19-11-2006

Risposta al topic

lascia perdere faro e nave per un momento, e pensa alla bussola. tu sei sulla bara con la bussola da rilevamento in mano. traguardi attreverso i mirini e vedi il faro. Leggi il numero sulla bussola e vedi 180° significa che per raggiunger il faro dovresti andare a sud. quindi rispetto al faro tu sei a nord.
Se il faro ti rileva a 180° allora tu sei a sud.

Onestamente la domanda non permette di capire in maniera univoca chi ha effettuato il rilevamento : tu sulla tua barca o il "guaridano del faro"

Quindi se fosse "sul tuo rilevamento del faro di pianosa" saremmo nel primo caso, se fosse "sul rilevamento dal faro" nel secondo.
Dovendomi sbilanciare direi A, che è il senso letterale più comune ma non univoco.
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06

Risposta al topic

beh ma cmq penso che si consideri il rilevamento tuo dalla tua barca, lasciando perdere i rilevamenti dei guardiani del faro.

Perchè tu non sei a 180° dal faro di pianosa ma lo rilevi con la bussola a 180 °

Di conseguenza se vedi il faro a 180 e quindi a sud, sei ovviamente a Nord
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Salud
fustino83
Velista
308 Messaggi
Iscritto il 19-05-2006

Risposta al topic

grazie a tutti per la partecipazione
io ho capito che sono a 180° dal faro
la domanda dice che rilevo la mia posizione a 180° del faro di pianosa
quindi mi sembrava logico di essere a sud (180°) dal faro
quindi il punto fisso di partenza per il rilevamento e' il faro
e da quel punto indico a quanti gradi sono io con la barca.
quindi bisogna chiarire una cosa ma i rilevamenti delle posizioni
si prendono da dove ci troviamo con la barca come se la barca indicasse il nord e da li' partono i gradi o se la barca e' il punto di arrivo dei gradi.
spero di essere stato chiaro ...forse!

Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Alexandro
Mozzo
51 Messaggi
Iscritto il 19-11-2006

Risposta al topic

Messaggio scritto da: Alexandro

quindi bisogna chiarire una cosa ma i rilevamenti delle posizioni
si prendono da dove ci troviamo con la barca come se la barca indicasse il nord e da li' partono i gradi o se la barca e' il punto di arrivo dei gradi.
spero di essere stato chiaro ...forse!




non ho capito bene cosa intendi cmq per i rilevamenti considera la barca come al centro della bussola, poi i vari rilevamenti di monti, fari, ecc vedi a che gradi di bussola li trovi ma in base al Nord vero. (quindi se stai andando verso Ovest e vedi un faro diritto a poppa, questo sarà chiaramente a 90° rilevamento bussola)

A meno che non si faccia un rilevamento (che non mi ricordo più come si chiama) dove si pone convenzionalmente il Nord verso prua indipendentemente da come è girata la barca e poi indichi i gradi dove vedi gli oggetti (tipo come quando si dice "scogli a ore 3", diresti scogli a 90° da prua o nell'esempio del faro di prima: se vai verso Ovest e lo vedi a poppa in questo caso dirai faro a 180° di prua) ma chiaramente per riportarli poi sulla carta dovrai fare dei calcoli ulteriori che li riallineino al Nordo vero
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Salud
fustino83
Velista
308 Messaggi
Iscritto il 19-05-2006

Risposta al topic

quindi il punto convenzionale per tutti da dove partire per calcolare i gradi e' il nord della bussola eda qui' vedere a quanti gradi vedi l'ostacolo o il faro se ho ben capito
ok grazie a tutti
comincio da ora a fare gli auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo
brindo alla felicita' di chi sta' in terra e chi va' per mar
ci cin
Alexandro
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Alexandro
Mozzo
51 Messaggi
Iscritto il 19-11-2006

Risposta al topic

salve a tutti.
Ci sono due tipi di rilevamenti: RILEVAMENTO BUSSOLA e RILEVAMENTO POLARE.
Le espresioni " a ore tre ,a ore dieci ecc. ecc." si usano solo in MARINA MILITARE per individuare bersagli veloci ed alti, cioe' aeromobili.
Il rilevamento polare e' una semiretta che interseca l'occhio dell'osservatore ed il bersaglio mirato si conta da 0° a 180° a sinistra e da 0° a 180° a dritta.
Il rilevamento bussola invece si conta da 0° a 360°,puo' essere un rilevamento magnetico o bussola , oppure un rilevamento vero se si possiede una girobussola.
In tutti e due i casi il verzo della semiretta si intende dall'osservatore verzo l'oggetto osservato.
La direzione della barca non e' di nessuna rilevanza.

Saluti Pingui55
Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic

Salve se ho ben capito lui parla di Rilv cioè di rilevamento vero.
I rilevamenti sulla carta si tracciano sempre VERI ED OPPOSTI (cioè con una retta che va dall'oggetto verso la barca), cioè la mia barca sarà a sud del punto rilevato e dalla barca io rileverò l'oggetto con la bussola per 90° (o meglio per 90° una volta corretti il valore della deviazione e declinazione).

Sbaglio?

Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Napoli
Velista
168 Messaggi
Iscritto il 05-01-2007

Risposta al topic

Cerchiamo di fare un po di chiarezza

Il rilevamento è una retta che unisce l'occhio dell'osservatore con l'oggetto rilevato me può essere di vari tipi.
Se effettuo un rilevamento con una bussola magnetica ottengo un rilevamento bussola che deve essere corretto con il valore della deviazione magnetica (magnetismo residuo dopo la compensazione leggibile sulle apposite tabelle) per ottenere un rilevamento magnetico che a sua volta devo correggere con il valore della declinazione magnetica (il cui valore si ricava dalla carta nautiuca) per ottenere il rilevamento vero che si conta da 0 a 360° in senso orario.
Se invece effettuo un rilevamento utilizzando un ripetitore di girobussola ottengo appunto un rilevamento girobussola che, teoricamente dovrei correggere con il valore di deviazione girobussola calcolabile al sorgere o al tramonto del sole (azimut). In genere tale valore è trascurabile per cui si assume che il rilevamento girobussola sia uguale al rilevamento vero.
Infine se effettuo un rilevamento utilizzando un grafometro ottengo un rilevamento polare che si conta da 0 a 180° verso dritta o verso sinistra.
Lasciando perdere la formula che permette di trasformare un rilevamento polare in uno vero (Pb+d+delta+ ro dove d= deviazione magnetica, delta=declinazione magnetica e ro (lettera greca ma non so come si scrive al computer :) = rilevamento polare) che in pratica non serve a niente, il rilevamento polare è molto importante per determinare i movimenti relativi di due imbarcazioni ai dini degli abbordi in mare.
Infatti se il rilevamento polare tende a diminuire (ovvero tende a stringere verso prua) il natante ci passerà di prora (guadagna sul rilevamento), se invece il rilevamento polare tende ad aumentare (ovvero tende ad andare da prora verso il traverso) il natante ci passerà di poppa (scade sul rilevamento) e non abbiamo problemi.
Se invece il rilevamento polare rimane costante occorre vedere la distanza tra le due imbarcazioni.
Se la distanza tende a rimanere costante vuol dire che le due imbarcazioni navigano con ritte parallele e stessa velocità, se la distanza tende ad aumentare si dice che il natante osservato è in allontanamento (tutto tranquillo).
Se infine la distanza diminuisce i due bersagli sono in rotta di collisione e tocca "appizzare le orecchie" e manovrare secondo le regole per evitare gli abbordi in mare.

Un ultima cosa il rilevamento si traccia dall'oggetto verso l'osservatore aggiungendo 180° al valore osservato. Utilizzando una squadretta nautica questa operazione è automatica.
Per il momento è tutto. Salud

Inserito il 12-12-2006 alle 19:06
Pe'mmare nun ce stanno taverne e'n tiempo e tempesta ogne pertuso e' porto
Charlie 2
Mozzo
39 Messaggi
Iscritto il 02-05-2007
Rispondi

Effettua l'accesso per poter rispondere al topic oppure registrati al nostro sito!

Iscriviti alla newsletter

© 2001-2019 Velaforfun.com