Forum

Rispondi

Effettua l'accesso per poter rispondere al topic oppure registrati al nostro sito!

Risposte: 40   Visualizzazioni: 1990  Sottoscrizioni: 41

carteggio 1°calcolo distanze

Distanza percorsa (in Nm) = Velocita'(in nodi)x Tempo(in ore)
La distanza da percorrere, in Nm, si ricava dalla carta nautica, dopo aver segnato la rotta e quindi anche i punti di partenza e di arrivo.
Infatti sul bordo delle carte e' riportata una scala delle distanze in Nm,se fosse assente, poiche'1' ( primo) di latitudine e' uguale ad 1 Nm basta riportare il segmento da misurare sulla scala dei meridiani della carta nautica (utilizzate sempre la zona centrale) e leggere a quanti primi di grado corrisponde la distanza tra i due punti.
Tale numero espresso in primi di grado è anche la lunghezza del segmento in Nm.
Operativamente si prende, con il compasso a punte (o con un righello), la lunghezza del segmento da misurare e la si riporta sulla scala delle distanze o sulla scala dei Meridiani.
L'operazione e' schematizzata nella figura ad inizio pagina.
L'esempio riporta una porzione di carta nautica in scala 1:100.000 in quanto la piu' usata per la navigazione costiera.
A titolo esplicativo colcoliamo le distanze ed i consumi di carburante per un tragitto che dal punto P1 ci porta al puntoB.
Dopo aver tracciato i due segmenti di rotta ( P1 - A e A - B) le grandezze da definire sono tempo di percorrenza e consumo del carburante.
Supponiamo che nel tratto P1-A vogliate fare traina, la velocita' dovra' essere intorno a 4 Nodi ( cioe' 4 Nm/ora), quindi il tempo di percorrenza e' :
Tempo(in ore) = Distanza (in Nm)/velocita'(in Nodi)
Cioe' :
Tempo = 1 (Nm)/ 4 (nodi) = 0,25 ore = 15 minuti
Ciao non capisco fino in fondo questo calcolo
se posso vi passo il link da dove arriva il testo
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Alexandro
Mozzo
51 Messaggi
Iscritto il 19-11-2006

Risposta al topic

passa il link.
cosa però non ti propriamente chiaro?
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Volare a Vela
ToroSeduto
Capitano
2305 Messaggi
Iscritto il 05-03-2002

Risposta al topic

Buon pomeriggio a tutti. La forfula che ti serve in questo caso e': S= V.T
Se vuoi sapere il tempo di percorrenza devi fare T=S:V.

Facendo il calcolo con la calcolatrice i risultati del Tempo vengono in ore e decimi di ore vale a dire che la cifra dopo il punto la devi moltiplicare per 6 e avrai i minuti.

Cioe' 1.5 ore sarebbero 1 ora e 30 minuti
nel tuo caso o.25 sarebbero 0 ore e 15 minuti
Nella pratica pero' non si usano mai dopo la virgola due cifre,ma solo numeri divisibili per 6
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic

buongiorno
questo e' il linkhttp://www.charterpesca.net/NAUTICA/navigazione/nav_3_3.html
fammi capire meglio questa formula
T=S:V. T sta' x tempo S sta' per ?scarroccio : V. sta' x velocita'
S sta' x secondi : V. sta' vento
scusatemi sono un po' confuso
per voi queste abbreviazioni sono chiare
per me poco poco :(
ciao
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Alexandro
Mozzo
51 Messaggi
Iscritto il 19-11-2006

Risposta al topic

Ma secondo mè il problema più grande non sono tanto le cose di scarroccio, bordeggi, di precisione punto nave, ecc.
ma che è uno strumento elettronico e basta che non ci sia elettricità per qualsiasi motivo che non funza.

Quindi è uno strumento che cmq si può definire indispensabile ma è sempre meglio riportare i dati e i punti nave su carta, oltre che avere almeno una vaga idea di come si calcolano correnti e armenicoli vari e un libro in barca che almeno spiega ste cose
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Salud
fustino83
Velista
308 Messaggi
Iscritto il 19-05-2006

Risposta al topic

Buona sera a tutti.Vedi caro Capospartivento,per lavoro sono stato costretto a frequentare un piccolo corso per il primo intervento medico tipo massaggio cardiaco ecc. ecc. In base alla tua teoria domani potrei andare in ospedale e chiedere di operare qualche malato visto che in sala operatoria ci sono tanti strumenti eletronici;a che serve tanto studio per diventare medico!!!!

ciao Pingui55
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic

Messaggio scritto da: capospartivento
Sulla patente mi sono già espresso. Per me non serve e ho spiegato anche il perchè non serve in altri threads.
Scusate, ma chi non ha un GPS cartografico su un cabinato a vela oggi? Usa la corrente il GPS? Beh, ha un consumo talmente irrisorio da esser reso del tutto trascurabile.
Ho navigato negli ultimi 3 anni in Italia, Spagna, Grecia, Turchia, Croazia, Nordafirica e perfino isole Canarie e giuro che mai e poi mai ho perso la rotta e sono sempre arrivato a destinazione con un'approssimazione di al massimo un centinaio di metri espresso ad una distanza di 5-6 miglia (vista terra).

Lo scarroccio? So anch'io che esiste, ma lo vedi sulla cartografia quando vai fuori, no? Lo calcoli prima e segni una rotta conseguente sul GPS!


Oltre al fatto cià citato che serve corrente per farlo andare, aggiungo che il GPS è un sistema offerto dai militari USA, ma senza nessuna garanzia...
per esempio ricordo che qualche anno fa saltarono per qualche ora i segnali del GPS.

Inoltre il carteggio serve anche per i rilevamenti rispetto alle altre barche... soprattutto quando si naviga di notte.
Io ricordo infatti che all'esame come carteggio mi chiesero proprio il rilevamento di un'imbarcazione in movimento, la RV da fare per raggiungerla, e altre cose simili.



Messaggio modificato il 1/12/2007 9:47:06 PM da 17mika
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
17mika
Mozzo
49 Messaggi
Iscritto il 21-10-2006

Risposta al topic

Messaggio scritto da: 17mika
Messaggio scritto da: capospartivento
Sulla patente mi sono già espresso. Per me non serve e ho spiegato anche il perchè non serve in altri threads.
Scusate, ma chi non ha un GPS cartografico su un cabinato a vela oggi? Usa la corrente il GPS? Beh, ha un consumo talmente irrisorio da esser reso del tutto trascurabile.
Ho navigato negli ultimi 3 anni in Italia, Spagna, Grecia, Turchia, Croazia, Nordafirica e perfino isole Canarie e giuro che mai e poi mai ho perso la rotta e sono sempre arrivato a destinazione con un'approssimazione di al massimo un centinaio di metri espresso ad una distanza di 5-6 miglia (vista terra).

Lo scarroccio? So anch'io che esiste, ma lo vedi sulla cartografia quando vai fuori, no? Lo calcoli prima e segni una rotta conseguente sul GPS!


Oltre al fatto cià citato che serve corrente per farlo andare, aggiungo che il GPS è un sistema offerto dai militari USA, ma senza nessuna garanzia...
per esempio ricordo che qualche anno fa saltarono per qualche ora i segnali del GPS



Anche per fare il punto nave di notte ti serve la corrente per vedere. Prega che non ti manchi mai la corrente in barca, perchè non è piacevole trovarsi senza di notte!
Beh, tu prova ad andare su una nave grossa e vedrai in quanti comandanti fanno ancora il punto nave tradizionale con bussola, cartina e compasso.
Io dei militari americani mi fido. Col GPS Navman 4C in quasi 3 anni non mi sono mai perso ed ho sempre calcolato rotte e punti solo con quello. In compenso m'è pure capitato di soccorrere in mezzo al mare gente che non aveva il GPS e non sapeva più dove fosse!! Questa è la verità!
Però ho anche un bel radaretto con buon riflettore, perchè non mi piace rischiare di finire contro ad una nave. Il radar abbastanza preciso, o no?
Per concludere il discorso: mi spiace ragazzi, ma io preferisco fidarmi dei militari americani più della mia abilità supposta di fare il punto nave.


Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Tom
capospartivento
Skipper
552 Messaggi
Iscritto il 11-01-2007

Risposta al topic


Beh, tu prova ad andare su una nave grossa e vedrai in quanti comandanti fanno ancora il punto nave tradizionale con bussola, cartina e compasso.


questo non è assolutamente vero, tutte le navi grandi fanno il punto sulla carta a cadenze regolari di 30/45 minuti e ogni 15 in passaggi difficili. che prendano il punto da riferimenti o da GPS questo è vero ma le grosse navi fanno sempre il punto sulla carta nautica!

Toro.
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Volare a Vela
ToroSeduto
Capitano
2305 Messaggi
Iscritto il 05-03-2002

Risposta al topic

Messaggio scritto da: ToroSeduto

Beh, tu prova ad andare su una nave grossa e vedrai in quanti comandanti fanno ancora il punto nave tradizionale con bussola, cartina e compasso.


questo non è assolutamente vero, tutte le navi grandi fanno il punto sulla carta a cadenze regolari di 30/45 minuti e ogni 15 in passaggi difficili. che prendano il punto da riferimenti o da GPS questo è vero ma le grosse navi fanno sempre il punto sulla carta nautica!

Toro.


I traghetti della Tirrenia no. Mio nipote fà il vice-comandante lì.
Morale: lui usa il GPS e il radar. Sono anni che non fà più il punto nave sulla cartina. Ti giuro.
Io comunque ho un sacco di carte nautiche, ma da quando ho il Navman 4C le lascio tranquillamente a casa. Il portolano, invece lo uso moltissimo.
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Tom
capospartivento
Skipper
552 Messaggi
Iscritto il 11-01-2007

Risposta al topic

Tu non ti sei perso in 3 anni di navigazione io non mi sono perso in 20 anni di navigazione ma il gps lo uso da soli 12 mesi.
Il radaretto e' un bellissimo strumento ma ti dimentichi quello che ti anno insegnato al corso arpa?
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic

Pingui55, tu navighi da 20 anni, io da 40 e non solo "navigo" sul mare, ma anche su terra. Naturalmente navigavo in sudamerica, non qui. Qui nel Mediterraneo navigo da relativamente poco tempo.
Quanto all'arpa, mi ritengo un buon anti collisioni.
Dai continuate pure con i vostri esercizi e scusate per l'interruzione

Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Tom
capospartivento
Skipper
552 Messaggi
Iscritto il 11-01-2007

Risposta al topic


Hai ragione, non mi conviene andare in mare.
Raccontami di quando hai rispettato il mare.



Quale? Mediterraneo? Atlantico? Pacifico? E dove?
Esistono posti dove ci sono SEMPRE le stesse condizioni, altri con condizioni prettamente stagionali ed altri a variabilità continua. Ma dovresti aprire un altro thread affinchè io possa risponderti. Mica ho navigato solo in Europa o nel Mediterraneo.
Ho rispettato sempre il mare perchè sono qui e non sono mai affondato. Ma lungi da me avere paura. Chi ha paura in mare fà una brutta fine.
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Tom
capospartivento
Skipper
552 Messaggi
Iscritto il 11-01-2007

Risposta al topic

Mettiamola così

lo stesso sentimento / stato d'animo che non ci fà buttare giù da un precipizio quando ci affacciamo o che non ci fà tirare il freno a mano in autostrada, è lo stesso che non ci fà alzare tutte le vele quando ci sono 50 nodi o che ci fà mettere un'ancora in più quando si dorme in rada. Poi si può definire in tanti modi ma la sostanza è sempre una, tutela della propria persona o di persone vicine.
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Salud
fustino83
Velista
308 Messaggi
Iscritto il 19-05-2006

Risposta al topic


Mettiamola così

lo stesso sentimento / stato d'animo che non ci fà buttare giù da un precipizio quando ci affacciamo o che non ci fà tirare il freno a mano in autostrada, è lo stesso che non ci fà alzare tutte le vele quando ci sono 50 nodi o che ci fà mettere un'ancora in più quando si dorme in rada. Poi si può definire in tanti modi ma la sostanza è sempre una, tutela della propria persona o di persone vicine.



Quella si chiama "prudenza" e non è mai abbastanza. La paura è un altro tipo di sentimento. L'ancora in più non sempre serve a renderti più tranquillo. Infatti, l'ancora di rispetto serve per tener ferma la barca e non farla girare al vento. Ma se l'ancora principale ara, non ti salva quella di rispetto, o almeno, non ti salva quasi mai, amenochè sia migliore di quella principale per il tipo di fondale considerato. Con 50 nodi di vento è meglio non trovarsi, ma se ti ci trovi causa un temporale estivo, metti un randina di cappa, osserva il cielo e vedi di scappare dove vedi un chiarore. Se non hai la randa di cappa, sono dolori, perchè è la tela della randa a stabilizzare la barca e con la sola tormentina di prua è molto più difficile governare. Se ci sono poi onde alte, cerca di prendere il mare sui 30° rispetto al mascone, ma soprattutto non avere paura. Quasi sempre te la cavi se non hai una vasca da bagno come barca.
Se invece ti trovi nel vento a 50 nodi senza temporale, significa che sei tu che te la sei andata a cercare e quindi non sei prudente.





Messaggio modificato il 2/3/2007 5:24:52 PM da capospartivento
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Tom
capospartivento
Skipper
552 Messaggi
Iscritto il 11-01-2007

Risposta al topic

Tanto per incominciare hai sbagliato termine riferendoti all'ancora.In gergo marinaresco un pezzo (ancora ) di rispetto vuole dire " un pezzo di riserva " che viene messo in armo quando si rompe il pezzo in questione. Sulle barche esistono pezzi di rispetto per il motore,per la ferramenta di coperta ed ancore di rispetto.Per quanto riguarda la paura tutti abbiamo paura e questo ci salva la vita; il rispetto per il mare e' una altra cosa e' non inzozzarlo con immondizie, scarichi di sentina ed altro. Io credevo che tu mi raccontassi di qualche episodio riguardante la pulizia del mare o cose del genere. Va be non importa grazie lo stesso.
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic

Messaggio scritto da: pingui55
Tanto per incominciare hai sbagliato termine riferendoti all'ancora.In gergo marinaresco un pezzo (ancora ) di rispetto vuole dire " un pezzo di riserva " che viene messo in armo quando si rompe il pezzo in questione. Sulle barche esistono pezzi di rispetto per il motore,per la ferramenta di coperta ed ancore di rispetto.Per quanto riguarda la paura tutti abbiamo paura e questo ci salva la vita; il rispetto per il mare e' una altra cosa e' non inzozzarlo con immondizie, scarichi di sentina ed altro. Io credevo che tu mi raccontassi di qualche episodio riguardante la pulizia del mare o cose del genere. Va be non importa grazie lo stesso.



Scusa ma quando scrivi qualcosa tu, veramente ci capisco poco.
Mi sembra d'essere abbastanza chiaro quando scrivo qualcosa.
Vabbè, buona continuazione. Siamo OT.
Se non sai cosa sia l'ancora di rispetto non è colpa mia.
A casa mia "ancora di rispetto" è la traduzione dall'inglese; "sheet anchor". Se studi qualcosa, dovresti saperlo, o no? L'ancora di rispetto non è di riserva, ma è quella che si butta a poppa per tener ferma la barca. Ecco, anche stasera hai imparato qualcosa.
Cosa c'entrano gli scarichi? Io parlo di carote e tu rispondi con patate! Rispettare il mare significa in gergo marinaresco "avere rispetto della sua possibile forza" e la paura non salva proprio nessuno. Al contrario genera comportamenti irrazionali.
Chi ha paura del mare non naviga. Se ne sta a terra o sulla spiaggia a prendere il sole su una sdraio.


Messaggio modificato il 2/3/2007 8:11:49 PM da capospartivento
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Tom
capospartivento
Skipper
552 Messaggi
Iscritto il 11-01-2007

Risposta al topic

Stiamo parlando di patenti nautiche e io cerco di farti capire che il termine giusto marinaresco per dire "pezzo di ricambio" si dice "pezzo di rispetto". Se non usi questi termini all'esame ti bocceranno e non prenderai mai la patente nautica. Rispetto per il mare vuol dire tenerlo pulito. Avere paura vuol dire rientrare in porto quando c'e' avviso di burrasca. Ecc.ecc.
Non ci vuole tanto a capirlo. Io non ho studiato e come vedi faccio molti errori di ortografia.Non ho avuto la possibilita' di farlo,ti prego di scusarmi.
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006

Risposta al topic


Stiamo parlando di patenti nautiche e io cerco di farti capire che il termine giusto marinaresco per dire "pezzo di ricambio" si dice "pezzo di rispetto". Se non usi questi termini all'esame ti bocceranno e non prenderai mai la patente nautica. Rispetto per il mare vuol dire tenerlo pulito. Avere paura vuol dire rientrare in porto quando c'e' avviso di burrasca. Ecc.ecc.
Non ci vuole tanto a capirlo. Io non ho studiato e come vedi faccio molti errori di ortografia.Non ho avuto la possibilita' di farlo,ti prego di scusarmi.


Mi spiace pingui55, ma io non ti capisco. Sembra un dialogo tra sordi il nostro. Non ho nulla contro di te, intendiamoci, ma non capisco assolutamente quello che intendi dire, eppure sono italiano anche se ho quasi sempre vissuto all'estero.
Bocciato dove? Io ho le patenti nautica brasiliane e argentina perchè ho sempre navigato lì ed ora ho la barca francese, che non ha bisogno di nessuna patente per navigare in Europa ed in Europa siamo. Le cose le so, non preoccuparti! Non devi scusarti di nulla.
Ti dico solo che quando vai a comprare una barca, di 12 metri, non di 8, i concessionari ti chiedono se vuoi anche l'ancora di rispetto, la quale è nient'altro che un'ancora supplementare. Vuoi considerarla di ricambio? Va bene, come vuoi tu. Se rispondi di no, cioè che non la vuoi, te ne danno una sola. In genere la principale è una Bruce e quella di rispetto una Danford. Capito? A me questo interessa. Che uso tu poi ne faccia dell'ancora di rispetto, sono fatti tuoi. Da parte mia controllo al gps che l'ancora non ari. Se ara la Bruce principale, cambio posto, non metto un'altra ancora, come suggeriva Fustino.
Per quanto riguarda la paura ripeto: non bisogna confondere la paura con la prudenza. Chi è prudente non ha mai bisogno d'aver paura.
Tornando a bomba sull'argomento del thread. Sono più di 3 anni che in barca non ho nemmeno mezza carta nautica, ma ho un gps cartografico interfacciato NMEA all'autohelm 4000 con bussola + un bel riflettore radar per evitare le barche con tanto d'avviso che ho fissato a 2 miglia per rotte con possibili collisioni. Ho i portolani, quello sì. Beh, io calcolo la rotta al GPS e senza nemmeno quasi mai toccare il timone arrivo a destinazione con un'approsimazione non superiore ai 4-5 metri.
Faccio un esempio: la settimana scorsa sono stato a Tabarca in Tunisia. Ho fissato la rotta al GPS e sono arrivato a Tabarca, non a Tunisi! Chi ha detto che il gps non calcola lo scarroccio? Se esci di rotta ti riporta dentro e c'è tanto d'avviso di fuori rotta! E le cartografie del mio strumento non sono monodimensionali, ma addirittura tridimensionali. Vedo perfino le montagne, oltre che le varie profondità.
Se è per quello, una volta usavano anche il sestante per fare il punto nave. Ma chi usa più certe cose? Non mi resta che controllare ogni tanto dove vado, ma siate certi che posso sbagliare di pochi metri, non di chilometri!
Consiglio: se andate in mare aperto ed avete una barca a vela che non sia lunga 20 metri in fibra di vetro, mettete una bella palla di carta d'alluminio per alimenti in testa d'albero. Questo non ve lo dicono per la patente, ma ve lo consiglio io per evitare che qualcuno di grosso vi venga quasi addosso.
Con l'alluminio vi vedranno subito a distanza di sicurezza, senza non garantisco!







Messaggio modificato il 2/3/2007 11:28:35 PM da capospartivento
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
Tom
capospartivento
Skipper
552 Messaggi
Iscritto il 11-01-2007

Risposta al topic

Va bene,va bene,rigurdo alle rotte, alla navigazione integrata ecc. ecc. hai ragione la cibernetica ci ha fatto fare passi da gigante e possiamo navigare solo con gli strumenti e senza carte.Hai ragione anche sulla carta di alluminio,la togli dalla spigola al cartoccio e la metti in testa d'albero;ma come hai fatto ha prendere la patente brasiliana senza nemmeno conoscere un termine marinaresco in portoghese!!!
Inserito il 10-12-2006 alle 16:55
"VOLAVO" a vela
pingui55
Velista
258 Messaggi
Iscritto il 07-07-2006
Rispondi

Effettua l'accesso per poter rispondere al topic oppure registrati al nostro sito!

Iscriviti alla newsletter

© 2001-2020 Velaforfun.com